comunicazioni


Scuole a rischio, per parlarne debbono morire anche gli studenti

 
22/11/2008 15:14 CROLLO DEL SOFFITTO NELLA SCUOLA TORINESE
Legambiente: “Evento drammatico. Urgono politiche adeguate. Subito l’Anagrafe degli edifici scolastici”
Oltre il 40% delle scuole non possiede il certificato di agibilità statica;
il 34,92% è stato costruito prima del 1974 e il 13,42% tra il 1940 e il 1970
“La tragedia di oggi a Rivoli (Torino), mette in risalto la necessità e l’urgenza di adeguate politiche di gestione del patrimonio scolastico. Sono numerose ancora le scuole italiane che non raggiungono gli standard minimi di sicurezza, prive dei certificati di agibilità statica o di prevenzione degli incendi, ospitate in strutture inadatte, nate per altri usi e mai modificate, oppure come in questo caso, alloggiate in strutture vecchissime. Il fatto che nel decreto del Ministro Gelmini siano previsti fondi per l’edilizia scolastica va quindi valutato positivamente ma risulta quanto mai urgente completare l’unico strumento utile a fotografare la qualità edilizia degli istituti: l’anagrafe degli edifici scolastici avviata nel 1996 e mai conclusa”.
Così Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, commenta sgomento il tragico evento della scuola del Torinese.
Secondo i dati del rapporto Ecosistema scuola 2008 di Legambiente, le scuole italiane che possiedono il certificato di agibilità statica sono meno del 60% (dato preoccupante per una nazione a diffuso rischio sismico), quelle che hanno il certificato igienico-sanitario sono il 71,14% e di prevenzione incendi appena il 52,19%. Ancora, il 23,62% degli edifici scolastici necessitano d’interventi di manutenzione urgenti, mentre il 47,11%  hanno goduto di manutenzione straordinaria negli ultimi 5 anni.
Sono anche le caratteristiche geologiche del Paese a motivare una particolare e maggiore cura per gli istituti, visto che moltissimi sono in aree a rischio ambientale dichiarato e numerosissime sono ancora quelle costruite prima del 1974 (34,92%)  o addirittura prima.
 
Scuole site in aree a rischio dichiarato           Età degli edifici scolastici. Costruite:
Rischio idrogeologico
3,21%
 
Prima del 900  
4,49%
Rischio sismico
75,04%
 
Tra il 900 e  il 1940                  
13,42%
Rischio vulcanico
4,82%
 
Tra il 1940 e il 1974                 
34,92%
Rischio industriale
5,65%
 
Tra il 1974 e il 1990                 
40,92%
Altro
1,61%
 
Tra il 1990 e  il 2006    
6,26%
 
 
 
Anno
2005*
Anno
2006*
Anno
2007*
Certificato agibilità statica
63,35
% 62,21%
58,64%
Certificato agibilità ig-sanitario 
61,75%
73,97%
71,14%
Certificato prevenzione incendi
26,44%
34,08%
52,19%
Porte antipanico
73,89%
88,85%
85,10%
Impianti elettrici a norma
69,93%
86,13%
85,61%
Prove di evacuazione 
75,3%
89,21%
79,96%
Scale di sicurezza
48,2%
45,76%
54,72%
*Anno di raccolta dati
 
L’Ufficio stampa (349.0597187)



© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente