associazioni


La fatica dei Volontari

Sarà sempre più difficile.

Sarà sempre più difficile per una Cittadina o per un Cittadino trovare le motivazioni profonde per mettersi a disposizione degli altri, degli sconosciuti, degli animali, delle piante.

Mettersi a disposizione in maniera gratuita, senza condizioni, non solo nel tempo libero.

Il Volontariato non è il dopolavoro.

Sono ormai alcuni anni che la società sta "evolvendo" verso l'individualismo, si vanno riducendo il senso ed il valore della SOLIDARIETA', si accentuano paure e prepotenze. 

La possibilità di "rimborsare" i Volontari potrebbe essere considerata una buona soluzione per tenere vicini od avvicinare giovani e meno giovani poveri, ma questa possibilità "svilisce" ed impoverisce il senso di partecipazione, lo fa "condizionare" e ciò non è buono.

La situazione è complicata.

In Italia abbiamo la grande fortuna di subire raramente eventi catastrofici- per capirsi: l'ultimo serio giusto un secolo fa a Reggio Calabria e Messina con molte decine di migliaia di morti in un solo minuto. Ebbene un evento come quello oggi troverebbe l'Italia "socialmente  e culturalmente" impreparata.

Rispetto ad eventi "catastrofici" è indispensabile che la macchina tecnica dei soccorsi funzioni e potrebbe funzionare, ma di certo l'atteggiamento del Paese ne verrebbe scosso.

I Volontari stanno diminuendo mentre si incrementa la "scientificità" della gestione delle emergenze, aumentando la complessità burocratica e cartacea della intera filiera della Protezione Civile ad ogni livello.

Succede anche che appena un livello intermedio inizia a funzionare (esempio quello regionale), da subito in periferia si mollano le attenzioni "tanto c'è chi ci pensa" e poi ci stanno i Volontari.

Non può funzionare così.

I CITTADINI debbono tornare ad assumere ruoli attivi. I CITTADINI debbono porre questioni e pretendere risposte e soluzioni.

Dove sono i Piani di emergenza locali? Chi li conosce? Quante ASSEMBLEE di quartiere sono fatte nei Comuni per far conoscere i Piani di emergenza? Quanti incontri nelle scuole per affrontare il rischio incendi? Quanti cartelli si vedono in giro con la indicazione "area di attesa" e cosa vuol dire?

Prima i CITTADINI, i Volontari arriveranno subito dopo, ma solo se prima si "svegliano" i CITTADINI.

Non esistono binari, non è possibile un procedere parallelo: affinamento della macchina tecnica e formazione culturale dei Cittadini.

Sono convinto che SOLO la diretta responsabilizzazione dei Bambini, dei Genitori, degli Insegnanti, degli Amministratori sulle attività specifiche di Protezione Civile potrà risultare utile per affrontare e gestire al meglio le emergenze ed è in tutte queste fasi che i Volontari hanno un vero senso.

Il tempo di pace deve essere usato per diffondere la consapevolezza e la conoscenza dei rischi nel territorio e quindi le attività di previsione e prevenzione dovrebbero essere spalmate ad ogni ambito della società.

alt

 

- continua-

 

Pio Acito   

disaster manager

 

 




© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente