formazione


Simulato il BIG ONE

 

Dal sito del Corriere della sera..... e da molti altri!

Una simulazione che non si può fare in Italia, ve lo immaginate per la Val d'Agri o per Messina-Reggio Calabria?

Non scherziamo, noi siamo seri!

 

California: un gioco post-terremoto

Durerà tre settimane, assegna ai partecipanti compiti da svolgere nel mondo reale
La simulazione del terremoto di 7,8 gradi Richter in California. In rosso l'area interessata dalla scossa (Afp)
MILANO - Si è svolto giovedì il Great Southern California ShakeOut, l'esercitazione organizzata dalle forze dell'ordine e dalla protezione civile della California che ha visto milioni di cittadini coinvolti nella più grande simulazione anti-terremoto mai realizzata negli Stati Uniti. Lo scopo dell'iniziativa è ovviamente quello di preparare la popolazione all'eventualità che il temuto Big One si verifichi e far sì che tutti sappiano come comportarsi durante l'evento. Ma cosa succederebbe nelle ore e nei giorni successivi la catastrofe? È la domanda che si sono posti all'Institute for the Future, dove è stato realizzato un alternate reality game (cosiddetto Arg, ossia un gioco di azione collaborativa online che si sviluppa attraverso la rete – tramite blog, siti dedicati, e-mail e quant'altro – e parallelamente nel mondo reale) proprio per simulare comportamenti e situazioni del post-terremoto.

DOPO IL DISASTRO – Battezzato Aftershock, l'Arg contempla infatti la distruzione di Los Angeles, ed è basato sulle 300 pagine di informazioni raccolte dall'Us Geological Survey, in cui è descritta in modo dettagliato la situazione in cui si troverebbe la California meridionale in seguito a un terremoto di 7,8 gradi della scala Richter. Il gioco di simulazione è incominciato giovedì, proprio al termine del Great ShakeOut, e per tre settimane tutti coloro che partecipano saranno impegnati in missioni vere e proprie, da compiere nella vita reale al fine di ottenere informazioni e risultati che poi dovranno essere condivisi online con il resto della community dei giocatori. 0){flashVersion =(navigator.plugins["Shockwave Flash 2.0"] || navigator.plugins["Shockwave Flash"]) ? navigator.plugins["Shockwave Flash" +(navigator.plugins["Shockwave Flash 2.0"] ? " 2.0" : "")].description.split(" ")[2].split(".")[0] : -1; plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv/2.6") != -1){flashVersion = 4;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv/2.5") != -1){flashVersion = 3;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv") != -1){flashVersion = 2;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if((navigator.appVersion.indexOf("MSIE") != -1) &&(navigator.appVersion.toLowerCase().indexOf("win") != -1) &&(navigator.userAgent.indexOf("Opera") == -1)){var oasobj; var exc; try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.7"); flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.6"); version = "WIN 6,0,21,0"; oasobj.AllowScriptAccess = "always"; flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3"); flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3"); flashVersion = "WIN 3,0,18,0";} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash"); flashVersion = "WIN 2,0,0,11";} catch(exc){flashVersion = -1;}}}}} plug =(flashVersion != -1)? flashVersion.split(" ")[1].split(",")[0] >= minFlashVersion : false;} if(plug) { document.write(""); function loadFlashBottom11(){ if(navigator.userAgent.indexOf("MSIE") != -1 && navigator.userAgent.indexOf("Opera") == -1){ if (extFlashBottom11.readyState == "complete") { FlashObject("http://a248.e.akamai.net/6/592/1130/1225108244/oas.rcsadv.it/0/RCS/RD-AUTO02_COR_HP_RCT_011108//"+file_swfBottom1+"?clickTAG=http://oas.rcsadv.it/5c/corriere.it/pp/scienze/96497873/Bottom1/RCS/RD-AUTO02_COR_HP_RCT_011108/NuovaAuto_180x150_nov.html/35383339363732323437643637303730?kw1=value1&kw2=value2", "OAS_AD_Bottom1", "width="+widthBottom1+" height="+heightBottom1, "", "clsid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000" ,"6", "FinContentBottom11"); extFlashBottom11.onreadystatechange = ""; } extFlashBottom11.onreadystatechange = loadFlashBottom11; } else { OASfp=" Menu=FALSE swModifyReport=TRUE width=" +widthBottom1 + "height="+heightBottom1; OASd.write(""); OASd.write(""); OASd.write(""); OASd.write(""); } } loadFlashBottom11(); } if(!document.body) document.write(""); //-->

 
DAL GIOCO ALLA REALTÀ – Come spiegato da Jason Tester, capo del gruppo di sviluppatori del gioco, Aftershock consente di realizzare effettivamente quali potrebbero essere le conseguenze del Big One. La speranza degli ideatori del progetto è che questo esperimento di realtà alternativa serva sì a diffondere la consapevolezza di quali dimensioni potrebbe avere un simile disastro, ma soprattutto che contribuisca a cambiare le abitudini e il comportamento delle persone, portandole ad agire nel modo migliore qualora l'evento si verificasse.



© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente