formazione


La storia torna in Mesopotamia

Questa è una buona notizia tratta da Peacereporter e che farà piacere al nostro docente CIANCIO.....

e non solo a lui.

Chi vuol conoscere il perchè venga al secondo appuntamento con la formazione dei Volontari i giorni 5 e 6 luglio.

 

 

La storia torna in Mesopotamia

La Giordania restituisce all'Iraq oltre 2mila reperti trafugati
alt alt alt
alt alt alt
alt alt alt
alt
Le autorità giordane restituiscono al governo iracheno oltre duemila manufatti archeologici, trafugati in seguito all'invasione del paese. Lo annuncia la ministro del Turismo di Amman, Maha Khatib, secondo cui “ora che la stabilità del Paese è stata ripristinata, la Giordania è pronta a rimandare quelle antichità nel luogo da cui provengono: l'Iraq, la culla della civilità”.
 
altLa consegna dei 2466 manufatti, che comprendono anche monere d'oro, gioielli e manoscritti antichissimi, è avvenuta nel corso di una cerimonia in presenza del ministro del Turismo iracheno, Mohammed Abbas al Oraibi. Si tratta di reperti di inestimabile valore storico ed economico: sumeri, assiri, babilonesi... alcuni risalenti a oltre 3mila anni prima di Cristo, che le autorità del regno hanno sottratto dalle mani dei contrabbandieri e da quelle dei ricettatori. Sostengono infatti di averli recuperati sventando 22 tentativi di piazzarli sul mercato nero, cosa che li avrebbe fatti sparire, forse per sempre, nelle collezioni private in Europa, Stati Uniti e nei paese del golfo. Tutte le persone implicate in questo tipo di traffici, garantiscono le autorità giordane, sono state arrestate.
 
I siti di valore archeologico in Iraq sono circa 12mila, ma dopo l'invasione del 2003, né le autorità locali, né le forze della coalizione, sono state in grado di difenderli. Anche lo stesso museo archeologico di Baghdad, un'autentica istituzione nel suo genere, è stato depredato quasi completamente. Da allora si stima che i reperti trafugati e portati fuori dall'Iraq siano stati 32mila, 15mila dei quali erano custoditi nel museo. Per recuperare i tesori perduti il governo iracheno ha sollecitato i singoli paesi dove quegli oggetti potevano trovare un mercato: tra cui anche Italia, Francia, Turchia e Spagna, chiedendo loro di cercarli e restituirli. Sono state fissate anche delle ricompense per la restituzione: tremila dollari per chiunque ne riportasse. Fino ad ora i reperti tornati in Mesopotamia sono stati 8500, parte dei quali recuperati dal governo siriano.
 
altAl di là dell'ottimismo del ministro giordano, la situazione nel Paese è ancora lontana dalla pacificazione. Inoltre, mentre alcuni reperti tornano a casa, i danneggiamenti ai siti archeologici e i furti non cessano. La guerra in Iraq è stata dunque un affare anche per i contrabbandieri, non tanto i poveri tombaroli iracheni che si sono resi responsabili di furtarelli, quanto per i grandi collezionisti occidentali e del golfo, che non si sono fatti scrupoli ad approfittare del caos iracheno per appropriarsi di tesori che appartengono all'umanità tutta.

 

 




© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente