attività


Siamo sempre i colibrì

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Siamo sempre i colibrì.

Abbiamo dato il nostro piccolo contributo.

Abbiamo collaborato con i Vigili del  Fuoco, i Forestali, i Volontari del soccorso alpino e tutti gli altri che sono intervenuti per le ricerche dei due Cittadini dispersi durante il pesante scroscio di pioggia di domenica 6 novembre.

Non deve succedere; non può succedere che 70 mm di pioggia di una domenica sera possano causare la morte di due persone.

A causare la morte di Rosa e Carlo Masiello non è stata la pioggia, è stata la cattiva gestione del territorio, la superficialità nella realizzazione di opere, la incuria nella manutenzione delle strade, dei canali e dei corsi d’acqua.

Manutenzione NON vuole assolutamente dire che si debbono sterilizzare  e desertificare i canali ed i fiumi; manutenzione vuol dire che si debbono tenere sempre puliti da rifiuti e vegetazione morta.

La vegetazione arborea ed arbustiva nei fiumi è indispensabile per il ciclo vitale e depurativo delle acque.

La manutenzione del territorio potrebbe essere un grande utile investimento per il lavoro buono e per ridurre i rischi ai quali altrimenti siamo tutti più esposti.

Non ci risulta che all’orizzonte si vedano amministratori con lo sguardo così profondo.

 

I Volontari per l’Ambiente di Matera, ma chi sono?

Ecco noi siamo sempre quelli della piccola goccia.

Quelli che provano a spegnere gli incendi con pochi mezzi e molto sudore.

Quelli che non riescono a mettere assieme le divise, quelli che non vedrete bardati e lucenti ai concerti ed alle processioni.

Quelli che non riescono a scrollarsi di dosso il fango ed il nero del bruciato.

Siamo quelli che provano a parlare di protezione civile agli immigrati, ai sordi ed ai ciechi.

Siamo i dilettanti squattrinati.

Siamo prepotenti ed orgogliosi, ma stiamo imparando ad ascoltare.

Proviamo ad usare la tecnologia più avanzata affianco alla esperienza.

Facciamo ricorso alla memoria, alla storia; proviamo a costruire un futuro meno pericoloso perché più rispettoso.

Siamo capaci di piangere abbracciando una persona ferita. Ma chiediamo rispetto.

Chiediamo rispetto perché hanno diritto al  rispetto i piccoli colibrì quanto i ricchi pavoni ed i potenti leoni.

Per qualcuno il canto del colibrì è sgraziato, ma il suo volo è mirabile almeno quanto la sua caparbietà.

Ecco, noi cerchiamo Volontari così: rompiscatole, sporchi, intriganti ma con il cuore grande.alt  alt

alt  alt




© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente