regione


Tagliati i fondi alle Regioni

Il fondo regionale di protezione civile

Questo Fondo istituito con l’art. 138, comma 16, della legge finanziaria per il 2000, era destinato dalle Regioni al finanziamento degli interventi per le calamità naturali di livello regionale e al potenziamento delle strutture regionali di protezione civile, del volontariato di protezione civile regionale e della colonna mobile nazionale delle Regioni, ossia l’attrezzatura necessaria a fornire in caso di calamità, assistenza alla popolazione con tende, ospedali da campo e quanto altro necessario.

Al Fondo è stato destinato nel 2008 l’importo di 138 milioni di euro.

Per l’anno 2009 il Fondo non è stato finanziato.

 

Le risorse finanziarie assegnate al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per l'anno 2009: un bilancio

 Per l’anno 2009 il Dipartimento ha a disposizione il complessivo importo di 1.608.323.789 euro. Le assegnazioni provengono per 1.508.323.789 euro dalla legge di bilancio dello Stato per il 2009 e per 100.000.000 euro dallo stanziamento attribuito con il decreto-legge n. 208 del 30 dicembre 2008 per i danni prodotti dalle avversità atmosferiche dello scorso autunno.

I finanziamenti per il 2008 ammontavano a 1.898.243.000 euro e provenivano dalla manovra di bilancio 2008 (legge di bilancio e legge finanziaria).

Dai dati sotto riportati appare evidente che le risorse finanziarie destinate alla protezione civile sono sempre più assorbite dalle obbligazioni contratte in anni precedenti, soprattutto dalle Regioni, per fronteggiare passate situazioni di emergenza. Sempre minori sono le somme utilizzabili per gli interventi di previsione, prevenzione e gestione delle emergenze che potranno verificarsi in futuro.

L’importo assegnato quest’anno, infatti, da un lato risulta inferiore di 289.919.211 euro a quello attribuito per l’anno 2008 (- 18,03%), dall’altro rimane quasi per intero vincolato per legge per il pagamento di impegni di spesa riferiti ad emergenze del 2008 e di anni precedenti (1.466.090.000 euro pari al 91,16%).

Le somme vincolate si riferiscono:

• al pagamento di rate di mutui contratti in anni passati dalle Regioni, per una somma di 1.188.093.000 euro

• al trasferimento di fondi alle Regioni e ai Commissari delegati dal Governo per gli interventi di emergenza, per una somma di 277.997.000 euro 

Alcuni dati, in particolare, pongono in evidenza sia l’effettiva dimensione dei finanziamenti stabiliti per l’anno 2009, sia la sostanziale distinzione che occorre fare tra le risorse finanziarie che normalmente, e genericamente, vengono considerate “destinate alla protezione civile” e quelle che realmente sono attribuite al Dipartimento della Protezione Civile per garantirne l’operatività ed il conseguimento dei fini istituzionali.

Per l’anno 2009:

• cresce la percentuale dell’importo destinato al pagamento dei mutui, passando dal 63,86% al 73,87 %

• si riduce l’importo delle somme destinate ai cosiddetti fondi finalizzati che passano dai 351.551.000 euro del 2008 a 277.997.000 euro nel 2009; in calo anche la loro percentuale sulla disponibilità totale, dal 18,52% del 2008 al 17,28 % del 2009

• si riduce il Fondo per la protezione civile, che passa da 196.532.000 euro nel 2008 a 142.233.789 euro nel 2009, con un calo del 27,63 %; in calo anche la percentuale del Fondo sulla disponibilità totale che passa dal 10 % nel 2008 all’8,84 % nel 2009. Una tendenza ancora più marcata si avrà per gli anni successivi

• scompare il Fondo regionale di protezione civile, la cui dotazione era stata nel 2008 di 138.000.000 euro

Riportiamo di seguito il dettaglio delle voci di spesa ed i settori d’intervento finanziati

4) Il fondo per la protezione civile




© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente