emergenze


Forse 400 disperati morti nel Mediterraneo

 

dal sito: www.misna.org

 

MIGRANTI: NAUFRAGIO AL LARGO DELLA LIBIA, SI CERCANO CONFERME

alt
alt Giustizia e Diritti umani, Standard
alt
alt

“Siamo in contatto con le autorità libiche, per avere conferme e dettagli dell’accaduto. Per il momento non possiamo confermare le informazioni attualmente in circolazione”: lo ha detto alla MISNA il comandante Cosimo Nicastro, del comando generale delle Capitanerie di Porto, riguardo il naufragio, la notte scorsa di almeno due imbarcazioni al largo delle coste libiche a bordo delle quali si trovavano – secondo informazioni confuse – circa 500 migranti. “Le nostre capitanerie non sono intervenute perché l’incidente è avvenuto in acque libiche e sotto la loro giurisdizione – ha aggiunto Nicastro – quello che sappiamo è che sono state segnalate manovre negli ultimi due giorni, di cui però non conosciamo ancora i dettagli”. Fonti egiziane hanno riferito nelle ultime ore di un totale di quattro imbarcazioni che si trovavano in difficoltà al largo delle coste libiche: due sarebbero affondate mentre delle altre non si saprebbe ancora niente. Non confermato dalle autorità italiane competenti per la ricerca e il soccorso in mare neanche l’intervento di una nave cisterna italiana che la notte scorsa avrebbe salvato – secondo il ministero dell’Interno libico - 350 migranti che si trovavano a bordo di un battello alla deriva. Per il momento, 23 persone sono state tratte in salvo dai guardacoste libici mentre di altre 21 sono stati recuperati i corpi senza vita; le prime due imbarcazioni – certamente affondate secondo i guardacoste libici – trasportavano rispettivamente 253 e 365 passeggeri. Secondo l’agenzia egiziana ‘Mena’, tutti i clandestini - molti dei quali di nazionalità egiziana - erano diretti in Italia. Una delle imbarcazioni era partita da Sid Belal Janzur, mentre delle altre non si conosce con certezza il luogo di partenza. Se confermata, la sciagura sarebbe una delle più gravi avvenute in questi ultimi anni, che coinvolgono migranti alla deriva nel Mediterraneo

 

dal sito: www.rainews24.it

 

Strage al largo delle coste libiche, centinaia di immigrati dispersi

alt
Motovedetta
Motovedetta

Sono circa trecento gli immigrati dispersi al largo delle coste libiche. Lo ha detto all'Afp l'Organizzazione internazionale per le migrazioni citando fonti diplomatiche a Tripoli.

"Le autorita' libiche hanno confermato il naufragio e le nostre fonti diplomatiche a Tripoli riferiscono di 300 dispersi", ha detto il portavoce dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), Jean-Philippe Chauzy. Tre barconi carichi di migranti sono affondati ieri al largo delle coste libiche. Dalle prime ricostruzioni, ha detto ancora il portavoce dell'Oim, sembra che i tre barconi sovraccarichi di disperati siano colati a picco in seguito a un forte vento. Una quarta imbarcazione in difficolta', invece, sembra sia stata rimorchiata fino alla terraferma.




© Parte dei materiali in visione sono stati reperiti sul web | Responsabile Pio Acito disaster manager | powerd ideama 2017
Associazione di Volontariato Civile delibera Regione Basilicata n.1331/'94 | Associazione di Volontariato di Protezione Civile - Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento P. C. prot. n. 85990 5.1.1.4/'95 | C.F. 93018590773
Le immagini si riferiscono prevalentemente alle attività dell'associazione. Coloro che si ritengono danneggiati possono richiedere la rimozione, che sarà effettuata prontamente